Weyland Beate

Si laurea in Pedagogia nel 1997 e collabora alla cattedra di Cesare Scurati tra l’ateneo dell’Università Cattolica di Milano e la Libera Università di Bolzano. Dal 2005 è ricercatrice di didattica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’ateneo bolzanino.

Si è occupata dei temi della Leadership educativa e dell’educazione ai media nei contesti di lingua italiana e tedesca. Dal 2010 le sue ricerche si incentrano sul rapporto tra pedagogia e architettura e sull’innovazione della didattica in ambito scolastico. È membro e promotore della rete interistituzionale altoatesina “Spazio e apprendimento” fondata con un convegno da lei curato nel Novembre 2012. È consulente presso alcune scuole per la definizione del concetto pedagogico/didattico  in vista di una possibile ristruttrazione o neoedificazione. Tra  pubblicazioni inerenti il tema compaiono: Beate  Weyland, Tra pedagogia e architettura: lavori in corso…, in Infanzia, N.6 Novembre Dicembre 2011; Monica Parricchi - Beate Weyland, Pedagogia dello spazio: appunti sulla scuola e la sua architettura in ottica educativa, in A.Antonietti  P.Triani, Pensare e innovare l’educazione, Vita e Pensiero,  2012; Beate Weyland, Media e spazi della scuola – ed.La Scuola, Brescia 2013 (in corso di pubblicazione); Beate Weyland, Sandy Attia, Costruire pedagogie, Turris Babel, Bolzano, Settembre  2013 (in corso di pubblicazione).

Via Teobaldo Ciconi n.4 33100 Udine | C.F. 91077750932 | cittadinanzadigitale.fvg@gmail.com